TAG: Cosa voglio per Natale

L’albero (NON) è fatto, manca la decorazione più importante: i regali!

2-3 cose per gli altri le ho già prese, una per me pure… ma la wishlist è lunga!

Partiamo dall’auto-regalo: complice uno sconto del 30% valido fino al 2 dicembre ho preso il Long Lasting Stick Eyeshadow Set che è una raccolta di 5 pezzi del mio prodotto Kiko preferito (una volta un ragazzo mi chiese se mi ero fatta truccare da qualcuno solo perchè avevo uno di questi stick addosso E BASTA) e quindi per 16€ non poteva che entrare a casa mia senza nemmeno aspettare i saldi.

Natale è una tragedia per la mia carta di credito perchè spuntano kit di ogni cosa: trucco, capelli, skincare, lettiere per gatti. E ci sono due cose a cui non so resistere: gli ombretti in crema e i kit. Di quel che finora ho intravisto in giro mi piacerebbe…

  • Il nuovo kit anti-imperfezioni Clinique (14,00€); ho provato l’anno scorso quello per le macchie e mi sono innamorata dello scrub! In alternativa la versione col detergente in schiuma la preferirei, ma rientra negli starter kit da 35€.
  • Non è Natale (ma anche compleanno, Pasqua, Sushi Day…) senza un kit Benefit; se dovessi sceglierne uno vorrei quello con il blush Coralista (visto che una blogger a caso lo metterebbe anche nella pasta al pesto) e l’illuminante High Beam che ho avuto modo di provare la scorsa settimana al Brow Bar. Costa 29,90€ ma considerato il prezzo medio dei prodotti di questa marca è grasso che cola. 
  • L’altro giorno, scrivendo il post sui terminati di novembre, cercando il prezzo del Mythic Oil mi è caduto l’occhio su questo kit. Considerato che il campione da 1,5ml di olio mi è durato molto (con tanto di caduta sul pavimento) sarebbe un buon metodo per riprovare tutto l’arsenale. L’ho visto su eBay a 15+5€ ma spero di trovarlo da qualche parrucchiere che vende questa linea.

Kit a parte, ci sono sempre i prodotti singoli a fare gola. Tra i miei oggetti del desiderio ho:

    • La primed&poreless di Too Faced è nella lista dei desideri da molto, ma alla fine sulla mia strada ho incrociato altri due prodotti low cost a causa dei suoi 28,90€ di costo… in accoppiata a Les Beiges di Chanel (visto che dopo 2 terre (quasi) finite in 2 stagioni non posso più dire che non ci provi ad usarle!) che starei anche solo ad ammirare ore ed ore in religioso silenzio per il packaging. Lo stesso religioso silenzio dei momenti in cui sospiro sul prezzo, altalenante ma sempre intorno ai 45€.
    • Tanto cavalcare l’onda “edizioni limitate”, il pennello occhi doppio della collezione Riri Hearts MAC (37,31€) mi fa l’occhiolino dal primo giorno in cui è comparso sui comunicati stampa. Sta arrivando online in queste ore e nei negozi non arriverà prima di fine mese (di sicuro già sold out). In mancanza d’altro (#credici) potrei accontentarmi di uno Sheen Supreme nella colorazione Good To Be Bad (19,66€). O della cialda dell’ombretto Goldmine (13,61€) visto che del quad “Devilishly Dark” sembrano essersi perse le tracce. Ok, è peggio che mettere un piede da Tiffany!
    • Nella continua ricerca del prodotto definitivo che mi lasci i capelli puliti per più di un giorno, shampoo secco a parte, punto un paio di prodottini: il Bagno Eudermico Sebo-Equilibrante di Hairmed (14,00€) e lo shampoo all’aceto di rosmarino di Cattier (8,95€). Se trovassi sotto l’albero quello de La Saponaria (8,00€) non mi offenderei, ecco.

Ma siccome non si vive di sola cosmesi ecco cosa mi farebbe tanto brillare gli occhi di gioia:

  • Una Smartbox o equivalente, ma non Emozione3 che l’ultima volta mi hanno preso a pesci in faccia. Che sia una cena fuori o una mano di smalto poco importa.
  • Una docking station Android (che tanto non passo ad iPhone, promesso!), così la smetto di avere due sveglie puntate nel terrore che tablet e/o cellulare siano scarichi. Possibilmente con radiosveglia.
  • Dopo averne regalato uno alla mia dolce metà è uscita la versione a 4 porte del Sanctuary (100€ circa), lo svuotatasche più geek che conosca. Il mio tablet e smartphone scarichi di cui sopra sarebbero lieti di passare le notti qui.
  • Auricolari, perchè ne sfascio a bizzeffe. Se solo si trovassero senza in-ear (sturoduro per gli amici). Potrei provare il nuovo attacco Apple…
  • Custodie universali da smartphone, visto che il non voler acquistare telefoni “di moda” si paga con l’assenza di accessori specifici (meglio se senza bottone, un pezzo in meno da rompere).
  • Chincaglieria, perchè non basta mai. Da Accessorize ad H&M tutto è concesso!
  • E-books come se piovesse. Ho un Kindle Touch che sta prendendo TROPPA polvere!
  • Un paio d’ore di baby-sitting. Per il resto mi arrangio ^_^

Babbo, se dovessi trovare troppa coda nei negozi o se i forconi dovessero sbarrarti la strada puoi anche dare spazio allo shopping online. Decidi tu o decido io? Qualsiasi cosa su Maquillalia, The Body Shop, Etat Pur, Ecco-Verde, Asos o BuyInCoins… potrebbe andare bene. Benissimo.

Distinti saluti, latte e biscotti… (sempre buona) Fefy.

Gaute da suta (PSP per piemontesi) #2

Dicembre è arrivato mentre la mia testa era ancora ferma al ponte del 1° novembre, dove mi sono concessa un minimo sindacale di shopping per “festeggiare” il ricco smaltimento di ottobre… ovviamente il mese è stato all’insegna dello sterminio delle vecchie scorte, con protagonisti prodotti regalati o ottenuti gratuitamente (santi coupon subito!). Svuotiamo il sacco!

Direttamente dal lavandino reparto toelettatura…

DSC_0350

Superdrug Pure Tea Tree (2,99£): fratello dello scrub del mese scorso, l’ho finito come antimuffa. Sì, dicono che acqua e tea tree siano micidiali! Il mio box doccia mi ha mandato a stendere, probabilmente perchè a furia di stare vicini vicini ha sviluppato una qualche sorta di immunità.

Anatomicals Spray Misty For Me Facial Spritz (9,00£): trovato nella Glossybox di agosto, ho provato ad usarlo come da suggerimenti. Inefficace come fissante del trucco, insipido come rinfrescante, inutile come tonico. Evviva!

Lancôme Dreamtone (97,90€ da Sephora): ribadisco l’opinione del mese scorso alla fine delle 5 settimane. Olio venduto a caro prezzo. I due campioni di questo mese erano uno del colore 1 e uno dei colore 3; di quest’ultimo ho notato che mi rendeva l’incarnato più uniforme (e dire che dovrebbe essere per pelli scure, e io sono una mozzarella) e basta. Ho 3 bustine da 1ml ma credo le darò a qualcuno che ponga più speranze di me in questo prodotto.

Shiseido Balancing Softener Enriched (41,50€): col cuore in mano mi tocca dichiarare il mio amore incondizionato per questo prodotto. Nonostante l’alcool non brucia da nessuna parte ed ha un discreto potere esfoliante che ricorda la Clarifying Lotion di Clinique. Odio da morire il customer care de La Gardenia che mi ha spedito 5 prodotti di questo brand per scusarsi del mancato regalo di compleanno in quanto possedente la loro carta fedeltà. E odio che mi abbiano mandato una confezione da 75ml di questo tonico, cioè mezza full size. Un giorno sarò ricca e famosa e farò il bagno dentro questo tonico, credeteci!

Shiseido Bio-Performance Advanced Super Revitalizing Cream (77,50€): Carina come crema notte, ma non so se la ricomprerei per quella cifra lì. Anche qui un campioncino, da 15ml (quindi 1/3 di full size).

Shiseido Extra Creamy Cleansing Foam (38,90€): Poco schiumoso e apprezzatissimo dalla mia Clarisonic. Il sample è durato una decina di giorni e se me lo regalassero non resterebbe mai a prendere polvere.

Shiseido Benefiance Eye Serum (65,60€) & Dior Capture Totale Eyes Essential (58,00€ da Sephora): acqua. I contorno occhi più liquidi della storia. Potrei finire dei full size in 3 settimane, per quel prezzo ci pago i trattamenti dall’estetista!

Lush Maisenza (9,50€/100g): mentre aspettavo che iniziasse il MAC Technique, sono entrata con Jess nell’esatto momento in cui i commessi stavano aprendo scatoloni e scatoloni con l’intera collezione natalizia. Siccome sembravano più entusiasti dei clienti, dopo avermi vista giocare col Maisenza mezz’ora me ne hanno dato un campioncino. Forse lo uso male, forse non piace alla Clarisonic ma… passo mezz’ora a togliere (utilizzando un termine tecnico) ruvidume soprattutto dal collo. Da riprovare.

Benefit Total Moisture Facial Cream (35,90€): terzo pezzo del kit Benefit dedicato alla skincare, gradito e amato regalo di Erika nell’ultimo viaggio a Londra. Non c’è prodotto che non mi sia piaciuto, nemmeno questa che è una crema per pelli secche. Ogni sera mi sembrava di spalmare cheesecake e non è uscito mezzo sfogo nelle settimane in cui ho usato questa mini size da 9ml. Il mio kit si chiamava “let there be bright”, quest’anno sostituito da “love me b.right” che contiene gli stessi oggetti ad un prezzo di 47,00€. Vale la pena comprarlo anche solo per la scatola di latta, io conserverò gelosamente la (vecchia) valigetta che conteneva i miei prodotti. Mi resta solo la mini size di POREfessional.

L’Occitane Crema Divine (79,00€): la crema più grassa della storia, e la commessa non ha avuto nemmeno il buon cuore di avvertire ma solo di elogiare i mille mila premi vinti (eh?) con questo prodotto. Il siero in abbinato l’ho abbandonato per disperazione, perchè oltre ad essere grasso quanto la crema era contenuto in un botticino tutt’altro che pratico. Maledetti spatolini!

Vichy Idealia Crema Di Luce Levigante (29,00€ prezzo consigliato): trovata in formato da 15ml ad 1,50€ su Grazia di quest’estate. Carina, ma per quanto sia consigliata per pelli da normali a miste sembra non asciugarsi mai e lucida un sacco la pelle. Che senso ha utilizzare una crema illuminante di notte, a quel punto?

Dermolab Struccante Bifasico Delicato (7,00€): consigliato e straconsigliato da Mary, preso in outlet ad occhi chiusi. Strucca tutto, odore gradevole (sarò matta, ma dopo qualche secondo inizia a profumare di biscotto), ottimo rapporto qualità/prezzo. Seguendo la scia dei consigli ho già il bifasico Yves Rocher e qualche acqua micellare ad attendermi al varco.

Korres White Tea Fluid Gel Cleanser (19,50€): trovato in versione da 16ml nella Glossybox di settembre. Carino, ma se finisce negli occhi sono cavoli amari. Consigliato con riserva, direi.

Polka Dot Hand Lotion (n.p.): prodotto da dimenticare. Faceva parte di uno di quei cesti di prodotti senza brand che spuntano nei supermercati sotto le feste, ricevuto in regalo 3-4 anni fa. Il mio animo smaltitore ha finito tutto, ma questa crema mani è stata un parto. Profumava di vecchio, tanto che dopo averla messa ho trovato più di una persona che storceva il naso e doveva assolutamente correre a fare telefonate internazionali imminenti. Considerato che ho un quintale di creme mani di scorta (di cui la maggioranza ottenute in omaggio, come quella di Yves Rocher ritirata in negozio ieri e da 75 cicciosissimi ml) non so cosa mi abbia trattenuta dal lanciarla dalla finestra. Pubblicità progresso: se non sapete cosa regalare ed avete poco budget, i brand low cost e validi ci sono. Non abbandonateli.

Alverde Naturkosmetik Augencreme Augentrost Calendula (3,75€): comprata ad occhi chiusi da DM in Croazia (insieme ad un altro contorno occhi che ho dovuto regalare perchè consigliato per pelli over 60!), col senno di poi avrei dovuto svaligiare lo scaffale. Con meno di 4€ ho avuto un signor prodotto: ecobio (che non fa mai schifo) e valido. Saicosatispalmi ne parla bene ed una volta tanto devo proprio concordare. Da chiedere alla prima persona che varca i confini italiani, visto che Alverde sembra venduta ovunque tranne che qui.

L’Occitane Crema Mani Karitè (7,50€): ottenuta in full size gratuitamente grazie ad un coupon a fine gennaio, da quel giorno tutti i coupon richiedono un minimo di acquisto. Ed è così che sto costruendo un nuovo muro in cucina fatto di saponette a 2/2,50€. Muri a parte, credo di adorare il burro di karitè e questa crema si è rivelata un ottimo alleato per tutte le stagioni, estate inclusa. La metto e dimentico di averlo fatto un secondo dopo perchè asciuga subito. Per fortuna L’Occitane infila creme mani in tutti i luoghi, in tutti i laghi e in tutti i kit.

Essence Pureskin Purifying Nose Strips & Face Strips (1,99€): mio acquisto ricorrente. Forse all’ennesima volta in cui i cerottini da viso non “pescano” niente, dovrei smettere di acquistarli. Quelli da naso fanno il loro lavoro ma da quando ho la Clarisonic (3 mesi e mezzo) li uso con meno frequenza. Percepite vagonate di dispiacere all’idea di aver quasi stroncato i punti neri.

Con una capatina al box doccia che prima o poi dovrò soppalcare per farci stare tutto…

DSC_0348

The Body Shop Rainforest Balance Kit (9€): FI-NI-TO!!! Mi era rimasto solo un balsamo-cemento da 60ml che questo mese ho smaltito con tanta fatica e spacciando due campioncini cicciotti a Jess e Franci. Lo shampoo potrei ricomprarlo, il balsamo solo se cambiano packaging. Il pettine incluso è una bomba, snoda qualsiasi cosa e per stendere la maschera riflessante è una manna.

Aveda Invati Shampoo & Conditioner (29,74€/32,77€): questo kit ad oggi è ancora ottenibile tramite questo link. I prodotti non erano male, ma con 10ml non sono riuscita a fare più di un lavaggio. Se trovassi altri campioncini lo riproverei, il prezzo del full size è MOLTO alto anche se mi rendo conto che è un prodotto MOLTO specifico.

Gel Douche Fleur de VigneShampooing Soin Douceur (10,55€/14,10€): entrambi mini size da 30ml del Kit Decouverte che si trova a circa 8,60€ nelle peggiori (para)farmacie oltre confine (il mio arriva da Marsiglia, ma online si può trovare qui), c’è da dire che sul sito ufficiale ci sono dei kit natalizi molto carini anche se con meno assortimento di prodotti. Sul bagnoschiuma non ho molto da dire, lo shampoo fa schiuma a tratti. Una spruzzata sì, una no, l’altra forse. Lavarsi i capelli diventa una lotteria. Da riprovare in full size e con uno spargishampoo visto che temo che la “schiumosità” sia da attribuire all’INCI molto pulito.

Sunsilk Shampoo Liscio Perfetto (2,79€): Jess mi ha portato una mini size da 50ml qualche settimana fa. Gradito da tutti i capelli di casa. Da ricomprare in full size perchè ha tenuto a bada i miei capelli grassi per più di 8 ore.

Naturaequa Shampoo Mandarino Verde (8,50€): ho richiesto questi campioncini inviando 1,40€ di francobolli a Nauraequa (via S.Pio X, 36R 16147 Genova), me ne è arrivata una decina abbondante con il listino prezzi dei full size. Ho come l’impressione che vada diluito anche lui visto che i campioncini di questo shampoo erano 2 da 5ml e ho dovuto usarli insieme per i miei capelli che arrivano a metà schiena. Da riprovare!

Mythic Oil Shampoo & Olio (11/20,00€ circa): Ho ottenuto questi due campioni recandomi da un parrucchiere concessionario in zona Principi D’Acaja a Torino. In teoria il coupon che avevo era per il solo olio ma il parrucchiere mi ha consigliato di abbinare lo shampoo e se non fosse stato per il suo capo stava per darmi anche la crema-balsamo. Lo shampoo non era male ma l’olio è stato una scoperta: una boccettina da 1,5ml mi è durata 5 applicazioni e mi lasciava i capelli morbidissimi per giorni!

Collistar Linea Tricostruttiva (14/18,00€ circa): ai tempi in cui Collistar spediva campioni omaggio agli utenti registrati al loro sito, aveva mandato un kit prova di shampoo e maschera. Carini, ma ho preferito la linea per capelli grassi che (giustamente) stanno tentando di far sparire dal mercato.

Esi Rigenforte Shampoo & Balsamo (9,80€/11,00€): senza infamia e senza lode, data la tipologia di prodotto andrebbero usati per più delle due volte che sono riuscita a fare con questi campioncini dal packaging comodissimo.

Inebrya Shampoo Alla Mela Seboregolatore: campioncino ottenuto dalla parrucchiera, non seboregola un’emerita… anzi. Vade retro!

Il fronte make-up a confronto è sempre misero ma carico di soddisfazioni:

DSC_0351

L’Oréal Nude Magique CC Cream (14,50€ prezzo consigliato): sono stata sorteggiata a giugno per testare il prodotto nella variante viola per colorito spento e poco uniforme. In estate iniziavo a sudare pochi secondi dopo averla messa, e dopo 10 giorni di test ero piena di brufoli sottopelle enormi che ci hanno messo tutta l’estate a scomparire. Con i primi freddi tutt’altra cosa. In entrambi i casi il colorito è uniforme e opacizzato al punto giusto, e la texture è liquidissima al punto che tenendo il contenitore in verticale il prodotto cola da solo. Consigliata 9 mesi l’anno.

Astra Ombretto Cotto Seta Pura (3,00€): il primo ombretto cotto che scrive anche da asciutto. Il mio era un rame dorato e l’ho finito in un annetto abbondante anche se una parte è andata sbriciolata dopo una brutta caduta. Consigliatissimo quanto il cugino in crema Coppery!

Astra Kohl Black Matita Kajal (2,00€ o poco più): LA matita nera, scrive benissimo in rima interna e arriva a fine giornata. La regalerei a tutte le persone che vogliono costruire basi solide di make-up, dalla nipotina di 12 anni alla nonna di 90. Non vedo l’ora di finire le mie ventordici matite nere per tornare a lei!

Maybelline Superstay Color 18H (prezzo variabile): il classico rossettodiqua e burrocacaodilà che promette un numero a caso di ore di lunga tenuta. Avevo preso questo su (fu Cheapsmells) allbeauty.com a 4,65€ nel colore 615/soft taupe. Se non si esagera con le quantità, questo gioiello sa arrivare ad 8 ore di tenuta pasti inclusi. Credo che questa versione in Italia non sia mai arrivata, ma l’ho vista in UK 2 mesi fa e eBay-santo-subito ne è sempre pieno.

I due misteriosi scomparsi del mese sono sempre di make-up:

L’Oreal Glam Shine Balmy Gloss (11,95€ da Douglas, pazzi): nel colore Jelly Ginger mi ha accompagnato da inizio anno e si è trascinato finora perchè il fondo è quasi impossibile da pescare se non rimettendoci i polpastrelli o tenendo un pennello labbra in ogni tasca: valido, ma ho già la confezione risparmio di Chubby Stick ad attendermi.

Kiko Pencil Lip Gloss (3,90€): nel colore 08 Beige Chiaro (o similare, aveva minimo minimo 4-5 anni!), che non ricomprerei perchè ho scoperto che i nude “veri” mi fanno sembrare affogata nel Po e ho già i miei problemi di mio ad uscire di casa. Di gloss ha ben poco, se non la mina che si scioglie anche solo guardandola.

Sono molto curiosa di spulciare i cestini di prodotti (s)terminati altrui…