Makeuperitif Torino, 22/05/2014

Non ho mai seguito Giuliana/Makeupdelight, ma quando sono finita per caso su un suo post fresco di pubblicazione un mesetto fa ho segnato la data sul calendario. Le occasioni di conoscere un brand da vicino sono sempre interessanti, se ci mettiamo anche un drink offerto come si fa a rifiutare?

20140528-220246-79366070.jpg

Qualche mese fa mettono online un sito con un modulo per registrarsi ad una o più tappe del tour. Nella schermata di conferma leggo “stampa questa pagina e presentala al tuo arrivo in profumeria”. Trovandomi nella sala d’attesa del medico non mi resta che salvare la schermata sullo smartphone per poi scoprire che

  • Ci si può registrare infinite volte;
  • Non c’è una chiusura delle registrazioni;
  • In profumeria l’unica cosa che chiederanno incessantemente le commesse sarà “hai già la nostra tessera?”, brandendo tra le mani risme di moduli per farne richiesta.

Complice l’orario altamente lavorativo e il diluvio universale, mi ritrovo alle 17 di un giovedì a cercare posteggio in una via tanto centrale di Torino quanto piccola e costellata di divieti di sosta. Ad un isolato di distanza sento un misto di sudore e pioggia (il famoso “eau de cane bagnato”) e una voce di donna del sud che parla in un microfono.
Salgo i gradini dell’ingresso di Marionnaud e un mare di folla davanti a me sta puntando lo smartphone verso il cielo. Mentre mi chiedo quale santo o divinità si sia presentatata in profumeria capisco che stanno cercando di rubare uno scatto a Giuliana, che ha scelto due fortunate da truccare che prontamente cinguettano: “non mi struccherò mai più, loggiuro!”.

Avendo già io la tessera, dribblo la prima commessa. La seconda mi mette in mano una copia pocket di Cosmopolitan, la terza mi offre un coupon per fare lo Skin Test spiegandomi che hanno dovuto spegnere il macchinario per far spazio alla scenografia portata da Diego dalla Palma (il brand, non santo Dieghino!). Uno dei due barmen/modelli mi offre un Campari Orange Passion piuttosto carico, e quando penso di essere già sbronza mi rendo conto che mi stanno davvero mettendo in mano dei campioncini! Mentre guardo ancora incredula le mie due diverse formule di fondotinta e due di rossetto, mi rendo conto che non mi sono mossa di un solo centimetro perchè non c’è spazio per farlo. Per un attimo ringrazio le amiche che non sono potute venire!

Passano 45 minuti e Giuliana ha terminato i due make-up, così si sposta sullo sfondo allestito a scopo selfie selvaggio. Scatto dopo scatto il livello di ossigeno nell’ambiente riprende livelli umanamente accettabili, chi ha avuto la brillante idea di prenotare si sta facendo truccare dai MUA del sacro ordine di Dieghino e io riesco a toccacciare il famigerato Icon Kit in vendita per l’occasione: terra, matita nera, lip balm e il famigerato mascara Ciglione di cui Anna Gaia ha decantato troppe lodi per non volerlo. Con 35€ ottengo il tutto insieme ad un kit di pennelli da viaggio e mi sembra di aver fatto un affare!

Mi soffermo di nuovo sui gradini e ringrazio le commesse per la pazienza dimostrata senza mai perdere il sorriso. Qualcuna mi sorride e mi saluta, altre stanno già tesserando chi è appena arrivato. Torno alla mia auto e penso che gli eventi organizzati nel minimo dettaglio non sono belli quanto quelli un po’ improvvisati e dall’imprevisto facile. E poi cosa mi resterebbe da raccontare?

Le prossime tappe del tour saranno. Io non me le perderei… Fatto! 😉

15/05/14, 18:00 – 21:00 Milano, Corso Magenta 2
22/05/14, 17:00 – 20:00 Torino, Via Duchessa Iolanda 6

29/05/14, 18:00 – 21:00 Verona, Via Stella 31
05/06/14, 18:00 – 21:00 Milano, Viale Monza 2
12/06/14, 18:00 – 21:00 Mestre, Via Allegri 13/17
19/06/14, 18:00 – 21:00 Firenze, Viale Talenti 100
27/06/14, 18:00 – 21:00 Roma CC Roma Est
28/06/14, 18:00 – 21:00 Genova, Piazza Fontane Marose

20140528-220549-79549092.jpg

Tech facts: cyberattacco ad eBay? Al lupo!

Tra fine febbraio e inizio marzo c’è stata una importante violazione del database degli account eBay.
Con calma e per piacere, è iniziato ieri l’invio a tutti gli utenti della comunicazione in cui si consiglia caldamente di cambiare la password del proprio account.

20140527-003928-2368402.jpg

Sui social la reazione è stata: “è una truffa, cancello la mail e fingo che non sia mai arrivata”.

Considerazioni del caso:
– mi raccomando, MAI cercare conferme su Internet su qualsiasi genere di notizia in cui si incappi: i siti mondiali più famosi, dai portali hi-tech alla classica BBC, ne parlano ampiamente da una decina di giorni
– se l’inglese è considerato una lingua morta di dubbia utilità, l’Ansa ha portato la lieta novella anche su suolo italiano nel giro di poche ore dai comunicati ufficiali
– la mail di eBay NON contiene link, quindi a meno che i criminali informatici abbiano affinato le loro skill in telepatia i soliti ricercatori Oral B si stanno arrovellando per capire in che modo dovrebbe avvenire la truffa

Scoperta dell’ultima ora sconcertante: Internet non serve solo a condividere selfie o a truffare la gente.
Una sola domanda per il signor eBay: perchè ti assicuri di mandarmi mille email di conferma con nome, cognome e account a chiare lettere se compro biancheria antistupro ma non per farmi capire che se non cambio la password poi non devo andare a piangere in polizia postale se mi rubano l’identità? In questo caso meglio nasconderlo in calce dove nessuno arriverà, soprattutto cancellando la mail in preda al panico.

…forse è meglio che rigiri anche questa questione ai ricercatori Oral B.

HAUL x2: Maquillalia/Asos

Già ho le mani bucate di mio, per cui di solito cancello le mail ancora prima di aprirle e/o fingo che non siano mai arrivate (soprattutto parlandone con le amiche, stile “no, Wjcon non sta svendendo le collezione invernali!”). Non ho però saputo resistere a due offerte succose nell’arco di pochi giorni!

20140509-010839.jpg

Il primo ordine l’ho piazzato domenica sera su Maquillalia, a 10 minuti dalla scadenza della promozione in cui regalavano le costosissime spese di spedizione. Franci e Jess si sono unite nel loro piccolo ma il grosso del carrello è colpa opera mia; continuavo a sentir parlare del neonato brand Makeup Revolution che ho voluto toccare con mano qualcosa. Nell’eterna indecisione (onde evitare di portar via l’intero magazzino) ho scelto 3 prodotti: un illuminante cotto pescato, un blush liquido e la palette Iconic 3. Il carico da undici lo ha messo il mio Lui che mi ha praticamente ordinato di fare scorta di shampoo secco… e chi sono io per tirarmi indietro? Ne ho approfittato per provare il Batiste volumizzante e quello Tropical, oltre al già collaudato Cherry. Considerato che ero partita per ordinare giusto i cerottini De-Clog Pores che sono esauriti… ho dovuto ripiegare sui Purifying sperando siano all’altezza dei precedenti e già che c’ero mi sono lasciata prendere la mano. Ho speso 29.37€ grazie a qualche sconticino su Batiste, ma per tutta la roba che ho preso l’unica nota negativa è stato il non trovare le classiche Haribo nel pacco con un imballaggio a prova di bomba!

20140509-010826.jpg

Il giorno dopo scopro da Dotted Around che su Asos ci sono un po’ di saldi assortiti, e che la CC Cream Essence è finalmente terminata. Il click mi casca sulla CC Cream Bourjois, sullo shampoo per capelli grassi di Korres e fingo di non vedere che Batiste sia più scontata che su Maquillalia (per poi scomparire dal sito il giorno dopo) solo perchè tra i due prodotti accumulo più di 10€ di sconto. Aggiungo un fermaglio da figlia dei fiori e pochi minuti dopo le 18 ordino per un totale di 24.56€.

Nelle tre ore successive partono entrambi i pacchi, Maquillalia con GLS e Asos con BRT. Il primo è arrivato venerdì mattina (3 giorni lavorativi), il secondo il martedì successivo (4-5 giorni lavorativi, di cui 2 col pacco che gironzolava per la città senza un ben precisato motivo).

Renzi, vedi di far arrivare i famosi 80€ in busta questo mese o di questo passo mi toccherà passare a pane e cipolle… ma con un look impeccabile!

Gaute da suta (PSP per piemontesi) #7

Aprile è stato un mese tranquillo all’insegna della liberazione (non è una battuta). Ho avviato la modalità mulo perchè di molti prodotti non ero soddisfatta e quindi ancora più del solito non vedevo l’ora di provare qualcosa di nuovo!

20140505-224206.jpg

John Frieda Brilliant Brunette Shampoo (10.50€ da Sephora): senza infamia e senza lode. Per fortuna all’estero esistono le minitaglie che ci evitano il salasso di Sephora, questa qui arriva da Bruxelles.
Lovea Shampoo Purificante all’Argilla Verde (3.99€): preso con un buono da 5€ grazie a Vodafone un paio di mesi fa. Uno shampoo per capelli grassi troppo corposo al punto di ingrassare ancora di più i capelli anche da diluito, senza contare il packaging a tubetto “strizzabile” molto scomodo per la doccia. Siccome sono una testona vorrei provare altro del brand visto che ne sento parlare bene.
Pantene Balsamo Forti e Luminosi (3.99€): la scorsa estate era possibile richiedere un campione di questo balsamo, e un paio di mesi dopo BRT mi portò questa full size con mio sommo stupore. Il prodotto non mi ha entusiasmato perchè mi ingrassa i capelli in tempo zero.
Essence All-in-one CC Cream (4.99€): una versione oil-free della tanto amata BB della stessa marca. Se non fosse che il colore (unico) dopo qualche ora ossida scurendosi un po’ troppo. Ma perchè?
Siero Contorno Occhi al Mirtillo (Parafarmacia Bardonecchia, 18€): non fatevi spaventare del prezzo alto, perchè la confezione è da 30ml anzichè i soliti 15. Come da prospettiva questo contorno occhi km0 dall’INCI immacolato e ricco è durato 6 mesi nei quali ho imparato a dosare questo gel molto “acquoso” che si è comportato egregiamente.
Collistar Hydro-Crema Gel ai Liposomi d’Acqua (13.20€ su pinalli.it): presa in saldo invernale La Gardenia, e ringrazio che fossero solo 30ml perchè l’ho trovata troppo corposa per una pelle grassa. Ottimo il packaging a tubetto al posto del classico barattolo.
Alessandro International Snowflake (5€ circa): una crema mani al profumo di mele al forno che si assorbe alla velocità della luce. Non dirò altro se non “ne voglio una latta da 5Kg!”.
Lush Happy Hippy (4.95€): ennesimo pezzo della confezione regalo “Shiny Happy People”. Ottima profumazione, vorrei che fosse più persistente. Packaging scomodissimo in quanto la plastica è molto dura.
Nivea Pearl&Beauty (2€ circa): Nivea non mi delude mai dal punto di vista deodoranti!
Montagne Jeunesse De-Clog Pores Nose Strips (1.95€): cerottini da naso presi su Maquillalia visto che nei negozi si trovano solo le maschere. Dico solo che non torno più indietro visto che sono i migliori mai provati… Il naso mi si arrossa perfino da quanto venga pulito poro per poro! Ho appena preso un’altra variante della stessa marca sperando mantenga le aspettative.

Grandissima assente ingiustificata è la cipria illuminante in cialda Plastic di Neve Cosmetics (4.20€ da sola o 26.80€ nella sua palette): tenuta bassa, opacizzazione poca, luminosità idem. Non credo la ricomprerei ma abbinata al resto della palette non era male. Sto già facendo altri buchi alla mia Blushissimi, abbinata all’acqua termale spray sta dando non poche soddisfazioni!

Per aprile è tutto anche se inizia già a intravedersi la fine di qualche prodotto nei primi giorni di maggio…

PROMO: Pupa Experience I’m lipstick: si-può-fare!

Le ultime promozioni Pupa non mi sono state amiche. A causa di app di Facebook intasate e gente che ha creato un account anche al criceto morto vent’anni prima pur di presentarsi in cassa con 35 coupon, il risultato è spesso stato trovare espositori saccheggiati in balia dei rotolacampo.

Oggi mi sono divertita a fare un test su una giornata tipo e sulle nuance più adatte ai vari momenti della giornata, a consultare le colorazioni in base a capelli e carnagione e più semplicemente a guardare tutti e 40 i (semi) nuovi rossetti Pupa I’m: il loro prezzo di listino di 13€ ha spaventato molte persone, ma a 5€ come si può non dare una possibilità?

Dopo un consulto via Skype con un’amica con cui è stato divertente scegliere le reciproche tonalità, lei è andata a Salerno a cercare il suo Cherry e io ho sfidato l’orda dei tifosi bianconeri in attesa della partita/caciara da scudetto armata di coupon con qualche numerazione annotata dietro. Un po’ per indecisione, un po’ perchè temevo di trovare l’espositore semivuoto. Per fortuna giusto i tester erano buttati per aria e ho improvvisato una caccia al tesoro per provare su mano i colori prefissati.

Dalle foto sul sito temevo fossero molto più cremosi, per fortuna sembrano aggrapparsi molto bene (almeno alle mani) con una buona tenuta anche dopo aver tolto lo strato superficiale. Se la prova su strada dovesse andare bene potrebbero diventare come ciliegie questi rossetti dal packaging minimal quanto curato!

La rosa colori e il modulo di richiesta coupon sono su http://imlipstick.pupa.it/ . È obbligatoria la stampa (nel 2014, sì.) e il punto vendita scelto non è cambiabile, ma non essendoci account in mezzo si può sempre richiedere un nuovo coupon, senza approfittarsene.

Stasera è venuto a casa con me uno dei rosa più carichi (408 Mysterious Pink) anche se coralli, marroni e fucsia hanno tonalità un po’ diverse dal solito che vale la pena almeno guardare. Pupa sostiene di aver preso l’ispirazione da ciò che la gente cerca sui motori di ricerca riguardo i rossetti, speriamo che qualche preghiera sia stata esaudita!

TAG: 6 settimane, signor rossetto! #6

6 settimane, signor rossetto!

Ho rimandato per giorni questo post, ma anche le cose belle finiscono e tra queste il TAG lanciato da Des e Laura!
Riassunto puntate precedenti: settimana #1, settimana #2, settimana #3, settimana #4, settimana #5.

Settimana 6/1 e 6/2: La famiglia Rossi/Il mio rosso preferito

20140501-201154.jpg

CREDEVO di avere un rosso, perchè lo uso la mattina appena sveglia per scaldare le labbra ma ha una texture molto secca per cui lo uso poco (Kiko Smart Lipstick 11 vecchia formulazione), nella realtà ho un rosso che vale per tutti: Russian Red di MAC. Faccio parte di quelle sfigate su cui questo rossetto non ha una tenuta estrema, così ogni tanto faccio gli occhietti dolci. Ruby Woo e Perpetual Flame ma alla fine non riusciamo mai a concludere. A dire la verità nemmeno con Russian Red ho mai trovato il coraggio, ha dovuto pensarci Babbo Natale (ciao Elisa, se sono uscita dal tunnel dei nudi per arredare quello dei rossetti colorati è tutta colpa tua… Ti adoro!). Prima di lui c’era questa matita automatica Sephora presa ad un paio di euro in saldo un paio di anni fa ma c’è troppo marrone dentro persino per me, per cui non ho mai superato la porta del bagno indossandola. Difficile dire chi sia il preferito, no? 😉

Settimana 6/3: Vi presento tutti i miei rossetti!

20140501-201205.jpg

…aiuto. Ciao rossetti, ciao.
Li amo tutti teneramente e molti (non in foto) sono ancora chiusi per evitare di buttarne mille quando saranno andati a male. È come fare shopping a costo zero in pratica!

Settimana 6/4: Il mio rossetto preferito in assoluto!

Jazz-y-razz
Jazz-y-razz

Santa Temptalia aiutami tu. Jazz-y-razz di MAC oltre ad avere un nome impossibile da pronunciare è un povero bistrattato perchè non fa parte della linea tradizionale ma dei Prolongwear Lipcolour. Questo colore lo ha scelto il mitico Saverione del negozio a Le Gru ed è il rossetto che metto quando voglio andare sul sicuro: il colore si adatta sia ad una cena fuori che all’ufficio e la tenuta è strepitosa. Il gloss sbrilluccicoso è agli sgoccioli e ne ho preso uno “liscio” di ricambio. I Double Touch di Kiko sono delle buone alternative low cost; ne ho uno della vecchia formulazione (il 12) ma dei nuovi non ho ancora trovato un colore che urli il mio nome.

Settimana 6/5: La mia Wish List rossettosa

20140501-203754.jpg